Menu

Il Tirreno


  • Deathwish leg feish spooky spiders mafia scarlet teoevil dave lurch spooky ballet shoes
    November 14, 2014
    spookAdm@Ott14

di Alessio Santacroce

 

Prendete una buona dose di horror punk, mischiatelo bene al garage anni ’60, al glam cotonato e al punk rock più viscerale, e infine aggiungete il death rock di scuola Cristian Death.
Il risultato che otterrete sarà il travolgente sound degli Scarlet and the Spooky Spiders.
Fondati nel novembre del 2003 sull’asse Livorno, Lucca, Genova, in poco più di un decennio hanno solcato una notevole quantità di palchi inItalia e in molti paesi europei come l’Inghilterra, la Germania , la Svizzera , l’Austria, il Portogallo, l’Olanda, la Polonia e la Slovacchia , esperienze fondamentali per arrivare ad aprire i concerti di band icone del rock (su tutte i mitici Skid Row).
Tra le loro influenze principali citano Damned, Cramps, Lords of the New Church, Dead Boys, Ziggy Stardust & the Spiders from Mars, Batmobile, Meteors, sonorità e attitudini che emergono prepotentemente in tutte le composizioni del gruppo. Dopo “Pop up Your Eyes and … Thrill!” e “Blood on the Tracks” è la volta del terzo album, “Weird Creatures”, uscito ancora una volta per Cavity Records e pubblicato il 15 settembre su tutti i principali digital store.
Il lavoro si presenta bene già dalla confezione, ma c’è anche tanta sostanza nelle tracce che lo compongono, un mix di personalità e tecnica davvero invidiabili. Ritmo forsennato, groove scuro e risoluto, una sequenza di brani che invogliano l’ascoltatore ad alzare il volume dello stereo, insomma obiettivo centrato in pieno. Gli episodi che rimangono subito in testa sono “20th Century Radio”, “Bang Bang”, “Queen of pain”, “Kicking against the coffin”, ma la vera perla del disco è indiscutibilmente “Loaded gun”, una song che farà la gioia di tutti gli appassionati del gothic rock. Nella formazione attuale militano Scarlet Spiders alla voce, Lurch e Evil T alle chitarre, Mad Dave alla batteria e, unica presenza femminile, l’affascinante DeathWish al basso.
Il look si commenta da solo ed è un elemento indispensabile quando si propone un certo genere di musica. Sono pronti per tornare sul palco e questo inverno saranno in giro per lo stivale e all’estero. Non ci resta che aspettare il 5 dicembre quando presenteranno per la prima volta “Weird Creatures” al Borderline di Pisa.

Il Tirreno original website